Ancora neve in montagna nei prossimi giorni. Scongiurato un “pericolo ghiaccio” per i paesi delle Madonie
Il meteo per i prossimi giorni con il commento di Vincenzo Insinga

lunedì 9-1-2017 di
Schermata 2016-03-11 alle 17.52.16

I primi giorni del 2017 verranno ricordati certamente a lungo sulle Madonie e sulla Sicilia per la grande quantità di neve caduta. Le bufere di neve, sostenute da forti venti, hanno provocato non poche difficoltà, bloccando di fatto la viabilità di ampi territori, isolando paesi e campagne. Non sono mancate le polemiche, relative soprattutto alla pulizia delle strade; tuttavia, bisogna ricordare l’assoluta eccezionalità dell’evento. Quando nevica per diverse ore (se non per giorni), con venti sostenuti che spingono la neve fresca sui tratti di strada appena liberati, è veramente difficile garantire il transito regolare. A meno che non si disponga ovviamente di un esercito di mezzi contro neve e gelo. Ma questa è un’altra storia.

Cosa succederà nei prossimi gironi, meteorologicamente parlando? Tra oggi e mercoledì ci sarà occasione per nuove nevicate in montagna, a causa di una minimo di bassa pressione che raggiungerà la Sicilia da ovest. Seguirà dunque un aumento delle temperature, con progressiva migrazione dello zero termico a quote decisamente elevate (1800 m nella giornata di giovedì). “La perturbazione verrà in aiuto delle popolazioni di media collina”, dice Vincenzo Insinga, meteorologo del sito www.meteovins.com,”la perturbazione ha escluso la presenza di una rimonta anticiclonica, che avrebbe portato cieli sereni ma temperature estremamente rigide, con un forte rischio ghiaccio per tutti i paesi interessati dalle recenti nevicate”. Pericolo scansato dunque, nevicherà ancora in montagna, anche se l’aumento delle temperature porterà lo zero termico a quel limbo altitudinale in cui si trova Piano Battaglia. Nei giorni seguenti potrà esserci occasione di nuove nevicate in montagna. Non sussisterebbe comunque un “pericolo scioglimento nevi”, per la gioia degli appassionati che tra poco vedranno riaprire, dopo 10 anni, gli unici impianti di risalita della Sicilia occidentale.